Archivio della categoria: religione

L’apparato decorativo della Santissima Trinità

di CHIARA VIGNOLA

Le notizie pervenute in merito alla storia della confraternita della Santissima Trinità sono state pubblicate dagli storici locali sino al 1994[1]. L’insieme dei documenti studiati venne da quel momento in poi riposto dietro una finta porta e da allora se ne perse memoria, fino a che una ricerca accurata con il supporto del parroco della Chiesa di San Nicolò[2] ha permesso a chi scrive di ritrovare l’intero corpus d’archivio presso la medesima parrocchia. La lettura dei documenti permette di aggiungere notizie fondamentali che ci consentono di riscrivere la storia delle committenze e degli incarichi ad artisti e artigiani locali e genovesi, che lavorarono per i confratelli dal XVII secolo. Continua a leggere


Pubblicato in religione con i tag il .

La Confraternita e l’Oratorio della Misericordia in Novi

di FRANCESCO MELONE

Dal proemio ai “Ragionamenti Vari”, datati 1576, scritti da Lorenzo Capelloni, storico novese autore di una vita di Andrea Doria, si legge che già dal secolo precedente esistevano in Nove, con i relativi Oratori, quattro pie Confraternite di Disciplinanti: quella della S.S.Trinità dei Pellegrini e Convalescenti – la più antica, sorta nel 1482 – quella della Misericordia e della Morte ed Orazione, quella di S.Bernardino e quella di S.Maria Maddalena e S.S.Crocefisso.

Di pie unioni laiche si trovano tracce in Francia già nel secolo VIII, ma quelle del secolo XIII sono il risultato dell’imponente moto religioso, che scuote la società cristiana di quel tempo. Continua a leggere


Pubblicato in costume e società, religione, storia di novi il .

Le origini Valborberine di Papa Francesco

di DANILO ROVEGNO

La sera del 13 marzo 2013 viene eletto sul trono di Pietro il Cardinal Jorge Mario Bergoglio che si definisce, nel Suo primo discorso, il Vescovo “preso quasi alla fine del mondo”.

Papa Francesco, è il nome che assume il nuovo Pontefice; nato a Buenos Aires il 17 dicembre 1936.

Il suo cognome lascia subito trasparire l’origine italiana.

Suo Padre Mario nasce a Torino il 2 aprile 1908 da Giovanni Angelo [Portacomaro (AT) – 1884] e da Rosa Vassallo [Piana Crixia (SV) – 1884]

Sua Madre Maria Regina Sivori nasce a Buenos Aires il 28 novembre 1911 da Francisco [Buenos Aires – 1874] e da Maria Gogna nata il 3 giugno 1887 in provincia di Alessandria. Continua a leggere


Pubblicato in cognomi e nomi, religione con i tag il .

Incoronazione della Lacrimosa (4-5-6 agosto 1905) Aspetti diplomatici

di FAUSTO MOGNI

E’ una pagina di storia modesta, volutamente sommessa, ma importante, rimasta per un secolo tra le carte quasi ignorate della Collegiata di Novi.

Nel fotografare, per gentile concessione del parroco don Franco Zanolli, quanto più materiale potesse servire a documentare il grandioso avvenimento dei giorni 4-5-6 agosto 1905 (L’Incoronazione Vaticana della statua della Lacrimosa), ha attirato la mia attenzione un particolare passo della minuta di manifesto che la Masseria approntò a ringraziamento della partecipazione alla grande cerimonia in cui figuravano le parole: “concordia tanto desiderata tra i poteri della Chiesa e quelli dello Stato. Civili ed ecclesiastici. Continua a leggere


Pubblicato in costume e società, religione con i tag il .

I Cavalieri dell’Ordine dei Gerosolimitani e la profezia dell’Apocalisse

Un inedito documento dell’Archivio storico del Comune di Novi Ligure

di DANIELA CABELLA

Il recente intervento di riordino dell’Archivio storico comunale della città di Novi Ligure ha permesso di identificare alcuni documenti mai prima inventariati e quindi inediti alla storiografia locale.

Un documento, in particolare, ha colpito la nostra attenzione. Si tratta di una lettera non firmata, datata 20 luglio 1555, in cui un maestro “di Rode dell’ordine jerosolimitano” rende noto un fatto miracoloso avvenuto in Babilonia ([1]).

Nella città di Bracham il 23 maggio 1554, nella tribù di Lachas, sarebbe nato un bambino con la “facia … oribile co’ li denti acuti a uso de gatto … e … li ochii fagosati et spaventosi”. Dopo appena otto giorni il bambino era in grado di parlare e annunciava al popolo di “esser vero figliolo de Dio e il vero Messia”. Continua a leggere