Divagazioni sul dialetto novese

di PIER ELIGIO BERTOLI

Nell’ultimo volume di Serafino Cavazza sulla Storia della nostra Città: ”Novi Ligure città del Piemonte” si leggono tre poesie in dialetto novese rispettivamente del 1832, del 1857 e del 1892. Il Cavazza, storico notevole, non sembra avere grande passione per i dialetti. Noi, con molta modestia, siamo sempre stati interessati alla evoluzione del dialetto che, secondo Plomteux ed altri noti studiosi, ha una base padana che dal 1529 ha ricevuto, dal punto di vista lessicale ed anche fonetico, una forte impronta genovese, rimanendo nella sua essenza non ligure.

Riportiamo le poesie del 1832 e del 1857 con relativa trascrizione nel novese attuale, mettendo in grassetto le parole che sono mutate. Non ci soffermiamo sulla grafia che ha sempre avuto variabilità. Annotiamo come diversi lemmi siano scomparsi.

Favola del Pignotti tradotta in dialetto novese 

1832 

FORA. RA MOSCA E ER MOSCHIN 

Superba in tempo d’astê na mosca a stava

In sima du timon d’un arâ cl’arava

 

Giranda affacendà un pó ‘nsù ‘pó nzù

Aora ai boeui in fra schenna, aora in ser chù

 

E par caso un moschin passand da lì

Csa faeto, ugh disa, che ti corri csì?

 

E lê arrabià: Ti dmandi ancù csà femmo?

Chi n’u sa chi n’u vedda? A tera a arremo

 

Au dì d’incheu l’è gnù d’moda e d’usanza

Dass du ton, dasse dl’aria d’importanza.

FóRA. AA MÚSKA E ÈE MUSKéIN 

Su perba in teimpu d’estè na múska a stòva

In sima du timón d’in arò k’aróva

 

Giranda affacendò in po’ in sü in po’ ȿü

Oura in fra a skáina di böi, oura in sée

 

E per kòȿu in muskéin pasànda da lì

Csa fètu, ugh diȿa, che ti kuri acsì?

 

E le rabiò: ti dmandi ankù csa fèmu?

Un sa chi un vèda? A tèra arèmu.

 

Au dì d’inköi l’è gnu ‘d móda e d’uȿànsa

Dòse du ton, dòse dl’òria d’impurtanȿa.

Il titolo è “Fora. Ra mosca e er moschin”. Vediamo ancora l’uso degli articoli “er” e “ra”. Nel primo verso troviamo “a stava”, oggi “a stova”. Nel secondo “arà”, oggi “arò” (aratro) e poi “cl’arava” (arava). Nel terzo “affacendà”, oggi affacendò. Nel quarto “schenna”, oggi “sckáina” e poi “in ser chü”, oggi “in sèe kü. Nel quinto “per caso”, oggi “per cóȿu”. Nel settimo e ottavo “femmo, vedda, arremo”, oggi “fèmu, vèda, arèmu”. Nel decimo “dl’aria”, oggi “dl’òria”.

 

1857 (senza titolo)

Dì un po’ csù ghelo – Chi d’novitè?Carognat solite – di am po’, un ghe n’è?

 

Er gran Consêjo – Cos ‘u ravanga?

A dseuvro u spanga – Sempre i dinè?

 

Tutt’ a progetti! – Per tirà su

Er povro Neuve – Chi l’è zù dar cù

 

L’ha fat i porghi – L’ha mis mercà…

Ma cossa a servlo, – Se quand l’è strà

 

Un gran maroto, –   Er mego u treuva

Proprio u decotto – D’ falo arsanà?

 

I vèggi i disa, – E j’an rason,

Che er castagne – un fan u rugron.

Dì in po’ csu ghèlu – che nuvitè?Karugnè solite – dì in po’, un gh-è n’è?

 

Èe gran Cùnsiu – Cos u rèmga?

A brèciu u spanga – saimpre i dinè?

 

Tütu per prugèti! – Per tirà sü

Èe povru Növe – Cl’è ȿu da ée kü.

 

L’ha fat i pórghi – L’a mis mercà …

Ma a cos i servlu? – Se quand l’è stra

 

In gran marótu – Èe mégu u tröva

Propriu u dekötu – Da fòl arsanò?

 

I vègi i diȿa – E i gan raȿòn,

moi èe castogneI fàn u rugròn.

 

La seconda poesia è del 1857. Sono passati 25 anni. Il dialetto non è mutato. Non c’è titolo. Chi scrive se la prende con gli amministratori che “buttano” via i soldi, hanno fatto i portici (vecchi) ed il mercato, ma ormai questa iniziative servono a poco.

Nel secondo verso leggiamo “carognat solite”, adesso “karugnè solite”. Nel terzo “Er gran Conseju – Cos’ u ravanga?”, oggi “Èe gran Consiu cos u rèmga?: la parola ruminare, da “ravangò, infinito, è diventata “remgò”. Nel quarto, altra parola dimenticata “a dseuvro”, che abbiamo interpretata come “a breciu” o (“sghiru”). Nel sesto, “Er povru Neuve – chi l’è zù dar cù”, è ancora presente l’articolo “er” con il composto “der”, ovvero “da er”. Nel decimo il verbo “arsanà”, oggi “arsanò”.

La terza poesia viene letta dall’autore Giovanni Gusmano in occasione della grande cena in onore di Romualdo Marenco, a Novi nel 1898, alla Croce Bianca.

Non la riportiamo essendo ben di 29 strofe. Segnaliamo le diversità dal novese attuale che sono presenti ancora nel 1898. Troviamo otto articoli “er” ed alcuni composti come “ar vivo”, “dar merito”, “der doti”, “in ter banco”, “dar droghe”, “ancur man” (con le mani). Oltre agli articoli troviamo “finna” invece di “féina”; “tucame” oggi “tucóme” ; “cminsalo a ringraziò” oggi “cminsòlu a ringrasiò”; “balà” oggi “balò”; “vada” oggi “vòda”; “fa balò” oggi “fo balò”; “auguráse” oggi “augüròse”; il verso “ermo si vei ben bravi” vede “bravi” oggi “brovi” e poi “vei” che dovrebbe significare “veramente”, termine oggi in disuso.

Abbiamo anche rinvenuto parole modificate o in disuso: “schenna”; “carognat”; “a sdeuvro” (a sghiru); “ravangà” infinito di “ravangò”, oggi “remgò”, ruminare.

Concludiamo segnalando la scomparsa degli articoli “er” e “ra”, presenti ancora in diversi dialetti settentrionali. In molte parole la “a” è stata sostituita dalla “o” come in “stava”; “arà” (aratro”; “cl’arava” (che arava); “affacendà”, “per caso”; “aria”, “arsanà”. Adesso, come già detto: stòva, arò, cu aròva, affacendò, per còsu. La “a” è vicina ai dialetti tortonesi, pozzolaschi e mandrogni. Questo processo è tuttora in atto. Ce ne rendiamo conto notando che alcuni lemmi hanno la “a” (secondo tradizione): “ö mangià” (ho mangiato), “ö lavà”, “ö cantà”, “ö sparà”. Non ci stupiamo però quando sentiamo: “ö mangiò”, “ö lavò”, “ö cantò”, “ö sparò”, ecc.

Dal 1529, data dell’occupazione genovese, il dialetto ha risentito dell’influsso ligure. Inizialmente dalla stessa Genova. In seguito dalle valli Borbera, Scrivia (da Serravalle in su) e soprattutto Lemme. Di contro la migrazione dal settentrione è progressivamente diminuita.

Al Caffè Reale si parlava di un ragazzo, di bell’aspetto, piacevole, al quale peraltro le ragazze sembrava non interessarlo. Motivi psicologici? Forse qualche altro problema? La conversazione sembrava languire quando uno del gruppo se ne uscì con questa frase: “Mank s-igh-la mèta a tracóla”.


Pubblicato in storia di novi il .

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>